O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Notizie ed iniziative relative a Debian e al Software Libero

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda Risca » 10/03/2014, 19:33

jerrino77 ha scritto:per ovviare a tale problema, non sarebbe sufficiente una macchina Windows che gira l'applicativo (o gli applicativi) in questione 24/7, alla quale i vari operatori si connettono in remoto tramite openVNC?
Sì, ad esempio io per non rinunciare a linux sul mio desktop uso rdesktop (client rdp) per connettermi in remoto al server con gli applicativi contabili.
L'aspetto negativo di questo approccio è che comunque così non soppianti del tutto W$, però forse è pur sempre il male minore.

È importante prendere anche in considerazione quante sono effettivamente le utenze che necessitano di questi applicativi software, perché se si tratta solo del 20% o meno degli utenti allora il gioco potrebbe probabilmente valerne le candele.
Avatar utente
Risca
e-zine member
e-zine member
 
Messaggi: 2011
Iscritto il: 09/02/2009, 11:37
Località: Torino-Milano

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda jerrino77 » 11/03/2014, 0:41

Ciao Risca, grazie per la risposta. Beh, per quanto riguarda l'amministrazione comunale suppongo (e ripeto è solo una supposta :) ) che tali software siano appannaggio del solo ufficio del personale, mentre tutti gli altri operatori a parte il collegamento al portale servizi, qualche documento e poco più, non abbiano questa esigenza. Il fatto di minimizzare le licenze Win sarebbe già un bel passo avanti, avere solo 1-2 macchine con solo il S.O. e il resto tutte in OSS sia un buon inizio. Poi la migrazione definitiva avverrebbe gradualmente.
Avatar utente
jerrino77
Newbie
Newbie
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 10/03/2014, 17:16

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda vioma » 11/03/2014, 9:15

La realtà purtroppo è moto più amara.
A parte i data center che ancora risentono molto dell'influenza Windows (stiamo lottando proprio per questo cambiamento), esiste il pericolo (penale) legato alla "interruzione di pubblico servizio", ossessione degli operatori che operano negli uffici informatici comunali. Molti comuni ed operatori (non tutti i comuni hanno l'ufficio informatico) hanno molta reticenza a passare a prodotti free e open. Non tanto per la mancanza di competenza, ma per una questione legata al doversi rimettere in gioco, non si vogliono scombinare degli equilibri di mercato che nel tempo hanno raggiunto una certa stabilità. Altro problema è legato alla migrazione e all'istruzione del personale che hanno un costo ed un percorso non proprio agevole ed economicamente indolore. Tanti amministratori (politici e pubblici) anche per gli stessi problemi di cui sopra, sono molto reticenti al cambiamento (oneroso).
Tanto si deve fare in divulgazione e diffusione per colmare l'attuale ignoranza collettiva.
Avatar utente
vioma
Full Member
Full Member
 
Messaggi: 159
Iscritto il: 02/04/2009, 7:40
Località: Mascalucia, provincia di Catania

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda Risca » 11/03/2014, 9:33

vioma ha scritto:...hanno molta reticenza a passare a prodotti free e open. Non tanto per la mancanza di competenza, ma per una questione legata al doversi rimettere in gioco, non si vogliono scombinare degli equilibri di mercato che nel tempo hanno raggiunto una certa stabilità. Altro problema è legato alla migrazione e all'istruzione del personale che hanno un costo ed un percorso non proprio agevole ed economicamente indolore. Tanti amministratori (politici e pubblici) anche per gli stessi problemi di cui sopra, sono molto reticenti al cambiamento (oneroso).

Questo però riguarda tutti i settori.

Considera inoltre che i costi di licenza e gestione software sono generalmente molto ridotti rispetto al budget annuale, pertanto prevale la logica non toccare finché funziona. Tale logica spesso è ulteriormente distorta dalla limitata conoscenza e capacità informatica che hanno le persone preposte a prendere tali decisioni.

IMO se si vuole portare a casa qualcosa è necessario presentarsi molto bene, avere un dettagliatissimo piano di budget e presentare una soluzione chiavi in mano con tanto di demo al cliente. E forse se tutto va bene (e se la concorrenza non fa regali strani al reparto acquisti) si riesce a portare a casa qualcosa.
Avatar utente
Risca
e-zine member
e-zine member
 
Messaggi: 2011
Iscritto il: 09/02/2009, 11:37
Località: Torino-Milano

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda Stemby » 11/03/2014, 10:11

Guardate che da alcuni mesi è ufficialmente vietato l'utilizzo di (nuovo) software proprietario da parte della PA, a meno che non ci siano alternative percorribili. Le linee guida che la PA è tenuta a seguire ormai non lasciano più spazio ad ambiguità.

https://fsfe.org/news/2014/news-20140116-01.it.html
http://www.piana.eu/it/68cad

In teoria basta aspettare, stare ad osservare e chiedere una verifica all'Agenzia per l'Italia Digitale nel caso si sospetti che un'organizzazione non stia adempiendo ai suoi doveri. Tenete presente inoltre che i funzionari pubblici ora possono essere perseguiti in caso di negligenza.

Ciao!
Ultima modifica di Stemby il 12/03/2014, 16:09, modificato 5 volte in totale.
Stemby
wiki member
wiki member
 
Messaggi: 1428
Iscritto il: 11/04/2009, 15:47
Località: Missaglia (LC)

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda jerrino77 » 11/03/2014, 10:16

Ritengo che la migrazione più difficoltosa sia proprio quella del datacenter. Il sistema volendo c'è per non provocare interruzioni, ovvero spostare tutti i dati in un server temporaneo (anche cloud) preparare il nuovo, testarlo e renderlo operativo. Ma come ripeto dovrebbe essere graduale.
Avatar utente
jerrino77
Newbie
Newbie
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 10/03/2014, 17:16

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda vioma » 12/03/2014, 15:48

jerrino77 ha scritto:Ritengo che la migrazione più difficoltosa sia proprio quella del datacenter. Il sistema volendo c'è per non provocare interruzioni, ovvero spostare tutti i dati in un server temporaneo (anche cloud) preparare il nuovo, testarlo e renderlo operativo. Ma come ripeto dovrebbe essere graduale.

I tempi, sono i tempi che fanno paura.
Nel mio paese il dirigente forse chiederà aiuto ai dottorandi in informatica per un celere trasbordo che comunque richiederà almeno un mese, senza contare i tempi di formazione del personale (Per il quale mi sto proponendo con l'OSPA).
Come leggevo sopra, l'ignoranza la fa da padrone ed a poco servono gli "obblighi" senza una opportuna sensibilizzazione.
Avatar utente
vioma
Full Member
Full Member
 
Messaggi: 159
Iscritto il: 02/04/2009, 7:40
Località: Mascalucia, provincia di Catania

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda jerrino77 » 13/03/2014, 15:43

Si, in effetti un'attenta valutazione dei tempi è di fondamentale importanza se si vuole ottenere l'attenzione dell'interlocutore. Presentare un progetto quanto più dettagliato possibile è fondamentale. Non sarà facile!!!

Una domanda, se qualcuno sa rispondere: quanto costa un PC con Windows e Office in quanto a licenza?
Avatar utente
jerrino77
Newbie
Newbie
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 10/03/2014, 17:16

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda marcomg » 13/03/2014, 15:56

La acer per windows 7 professional rimborsa 70€.
Windows is what you open when you want fresh air from outside.
Avatar utente
marcomg
Hero Member
Hero Member
 
Messaggi: 5574
Iscritto il: 22/08/2011, 18:54

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda Stemby » 13/03/2014, 22:41

marcomg ha scritto:La acer per windows 7 professional rimborsa 70€.

Sì, ma la pubblica amministrazione di solito ottiene licenze a forfait: il costo unitario è sicuramente molto inferiore (per lo meno per Windows).
Stemby
wiki member
wiki member
 
Messaggi: 1428
Iscritto il: 11/04/2009, 15:47
Località: Missaglia (LC)

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda vioma » 13/03/2014, 23:22

Stemby ha scritto:
marcomg ha scritto:La acer per windows 7 professional rimborsa 70€.

Sì, ma la pubblica amministrazione di solito ottiene licenze a forfait: il costo unitario è sicuramente molto inferiore (per lo meno per Windows).

Sono perfettamente d'accordo, il risparmio non è su queste licenze.
Avatar utente
vioma
Full Member
Full Member
 
Messaggi: 159
Iscritto il: 02/04/2009, 7:40
Località: Mascalucia, provincia di Catania

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda razor » 28/04/2014, 9:38

Dato che questo sembra essere diventato un thread generale sulla P.A., metto altra carne al fuoco con questo articolo comparso su "La Repubblica". Siamo davvero messi così male? Peraltro i problemi sollevati nell'articolo mi sembrano coinvolgere la consapevolezza riguardo al problema sicurezza, prima ancora della scelta dei mezzi (open o closed) per garantirla.
Avatar utente
razor
Full Member
Full Member
 
Messaggi: 171
Iscritto il: 11/05/2013, 17:56
Località: Genova (più o meno)

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda marcomg » 29/04/2014, 12:42

Beh, da noi a scuola utilizziamo un registro elettronico che fino a ieri si spedivano le password in chiaro in una rete wifi non protetta.
Windows is what you open when you want fresh air from outside.
Avatar utente
marcomg
Hero Member
Hero Member
 
Messaggi: 5574
Iscritto il: 22/08/2011, 18:54

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda vioma » 29/07/2014, 9:44

Non voglio cambiare il titolo di questo post, ma vi informo che attualmente il comitato cittadino ha aderito totalmente al progetto della Free Software Foundation di Richard Stallman ed ha cambiato denominazione diventando "Li.Di.P.A. - Libertà Digitale nella Pubblica Amministrazione". Stiamo iniziando a costruire un sito con Joomla 3 (tra non molto passerà alla Stable), su piattaforma Altervista (Stiamo aspettando le credenziali per un nuovo dominio).
Proprio stasera daremo inizio al progetto, presso Mascalucia (CT).
Chi vuole può dare il suo contributo.
Allegati
Volantino2.resized.jpg
Volantino2.resized.jpg (99.17 KiB) Osservato 5660 volte
Avatar utente
vioma
Full Member
Full Member
 
Messaggi: 159
Iscritto il: 02/04/2009, 7:40
Località: Mascalucia, provincia di Catania

Re: O.S.P.A. - Open Source nella Pubblica Amministrazione

Messaggioda pigro » 19/08/2014, 12:08

Un amico mi segnalava http://windows.hdblog.it/2014/08/19/win ... -germania/
Potrebbe essere utile da prendere come esempio da analizzare per evitare medesime problematiche o altro.
L'egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell'esigere che gli altri vivano come pare a noi. (Oscar Wilde)
Avatar utente
pigro
Newbie
Newbie
 
Messaggi: 19
Iscritto il: 11/09/2013, 9:23

PrecedenteProssimo

Torna a News ed Iniziative

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron