L'imminente guerra contro il computer generico

Quando la scelta di un programma, di un sistema operativo non è solo legata alla preferenza o al budget...
La filosofia che sta dietro a Linux

L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda ferdybassi » 11/01/2012, 19:49

Mi sembra che nessuno lo abbia ancora segnalato.
E' lunghissimo, ma secondo me vale la pena...

E' la traduzione fatta da Paolo Attivissimo di un intervento di Cory Doctorow al CCC di Berlino:
http://attivissimo.blogspot.com/2012/01 ... puter.html
Nel link viene anche riportato il video dell'intervento originale.

Ciao ciao
Immagine  Immagine
Avatar utente
ferdybassi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 3285
Iscritto il: 28/12/2006, 4:22
Località: S. Angelo Lodigiano (LO)

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda Flobo » 11/01/2012, 21:42

Già letto ... ottima segnalazione, consiglio vivamente la lettura e/o la visione del filmato :)
Stefano Filippa - Sito web + Web-Log
Avatar utente
Flobo
Hero Member
Hero Member
 
Messaggi: 503
Iscritto il: 15/04/2009, 14:04
Località: Varallo

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda Risca » 12/01/2012, 19:15

Link davvero piacevole che mi ha fatto riflettere parecchio. Penso che la rivoluzione informatica sia solo all'inizio e che ne avremo ancora parecchie da vedere e scoprire :D

Ricollegandomi un po' al discorso di cercare di limitare a tutti i costi il computer mi è tornato in mente il lontano 2002 quando, desiderando vedere un DVD che avevo acquistato all'estero, mi comparve il messaggio che avevo a disposizione soltanto 5 possibilità per cambiare il codice regionale di lettura. Peccato che io volessi continuare a vedere simultaneamente sia il formato europeo che quello australiano. Ovviamente questo era un eclatante caso di malware del produttore!

Un grosso problema è a mio avviso che, vista la diffusa ignoranza informatica (almeno nel 99% delle persone), spesso il concetto di computer elettrodomestico (i prodotti apple e molti smartphone per intenderci) è premiante rispetto a quello di computer universale. Infatti per il consumatore medio è maggiore lo sforzo di comprendere il funzionamento di un programma o sistema libero da vincoli/malware piuttosto che il danno dall'utilizzare un omologo castrato e bloccato ma più immediato (talmente semplificato da avere un unico pulsante multifunzione, così non puoi mai sbagliare a dare il comando).

Anzi, a dire il vero spesso sento parlare del computer e dei programmi solo con gli stessi appellativi di una lavatrice nei termini di questo mi fa questo, questo quest'altro eccetera. Ossia immaginando il tutto come qualcosa di statico e non modificabile (chi mai ha modificato/usa la lavatrici come lavapiatti?).
Invece quasi mai sento parlare di computer e programmi - ok, debianizzati a parte - come macchine totipotenti il cui unico limite è la fantasia e le risorse hardware, e solo quest'ultime ne determinano le caratteristiche.

Voglio però lasciare un messaggio di speranza. Ritengo che tramite la diffusione gratuita della conoscenza e del pensiero critico si possa cambiare il modo di pensare delle persone e, invertendo il modo di pensare, obbligare anche il mondo commerciale ad una maggiore etica e tutela del consumatore.
Avatar utente
Risca
e-zine member
e-zine member
 
Messaggi: 2011
Iscritto il: 09/02/2009, 11:37
Località: Torino-Milano

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda Stemby » 13/01/2012, 2:22

L'insignificanza del copyright indica che quando altri settori dell'economia inizieranno a manifestare preoccupazioni riguardo a Internet e ai PC, il copyright si rivelerà essere una scaramuccia, non una guerra.

Non so perché, ma a questa frase mi è balzata in mente una parola: Bitcoin.

Grazie per la segnalazione! Lettura molto interessante e coinvolgente.
Stemby
wiki member
wiki member
 
Messaggi: 1428
Iscritto il: 11/04/2009, 15:47
Località: Missaglia (LC)

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda marcomg » 17/01/2012, 20:08

Risca ha scritto:Link davvero piacevole che mi ha fatto riflettere parecchio. Penso che la rivoluzione informatica sia solo all'inizio e che ne avremo ancora parecchie da vedere e scoprire :D

Ricollegandomi un po' al discorso di cercare di limitare a tutti i costi il computer mi è tornato in mente il lontano 2002 quando, desiderando vedere un DVD che avevo acquistato all'estero, mi comparve il messaggio che avevo a disposizione soltanto 5 possibilità per cambiare il codice regionale di lettura...

... obbligare anche il mondo commerciale ad una maggiore etica e tutela del consumatore.


Concordo!!
Ti dirò di più. Per molti internet = facebook e qualcosa che inizia per p e finiscecon o.
Per i piú evoluti internet explorer.
Per fortuna non tutti sono cosí
Windows is what you open when you want fresh air from outside.
Avatar utente
marcomg
Hero Member
Hero Member
 
Messaggi: 5575
Iscritto il: 22/08/2011, 18:54

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda eribian » 11/09/2013, 18:07

Molto interessante. Non so se stare dalla parte delle software house, che per "assicurarsi" che l'utente non violi i copyright lo spiano, oppure dalla parte dell'utente, che ha il pieno controllo del computer (general purpuose) ma che poi ne abusa.

Certamente si deve dire che entrambi hanno ragione.
Avatar utente
eribian
Sr. Member
Sr. Member
 
Messaggi: 332
Iscritto il: 16/04/2013, 19:02

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda marcomg » 12/09/2013, 15:57

eribian ha scritto:Molto interessante. Non so se stare dalla parte delle software house, che per "assicurarsi" che l'utente non violi i copyright lo spiano, oppure dalla parte dell'utente, che ha il pieno controllo del computer (general purpuose) ma che poi ne abusa.

Certamente si deve dire che entrambi hanno ragione.

Sinceramente non sono d'accordo, io compro un DVD, è mio e lo visualizzo dove mi pare. Se i prezzi non fossero eccessivi nessuno si sognerebbe di scaricare il materiale!
Windows is what you open when you want fresh air from outside.
Avatar utente
marcomg
Hero Member
Hero Member
 
Messaggi: 5575
Iscritto il: 22/08/2011, 18:54

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda eribian » 12/09/2013, 16:09

Scusami, non avevo finito la frase:

Certamente si deve dire che entrambi hanno (quasi) ragione.

Penso che tutti abbiano il diritto di riprodurre quello che vuole. Però c'è l'imposizione del codice regionale.
Ritornando alle software house, come fanno i produttori software a controllare che nessuno rubi?
E poi, non è sempre vero che i prezzi sono spesso eccessivi. Non nego che la licenza di Photoshop valga 900 e passa dollari, o che la licenza di un Mac non sia gratis, ma ci sono molti software freeware, e quelli non freeware non sempre costano tanto. Infine, c'è l'open source.
Infine, non si può giustificare la gente che scarica materiale illegalmente, nonostante costi troppo per chiunque.
Ma nemmeno gli sviluppatori che spiano l'utente e inviano dati sensibili tramite i loro software/malware per "assicurarsi" che non abbia rubato. Ma la sappiamo la verità.
Avatar utente
eribian
Sr. Member
Sr. Member
 
Messaggi: 332
Iscritto il: 16/04/2013, 19:02

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda marcomg » 12/09/2013, 16:36

Le software house non possono controllare tutto se non spiando. Spiare non è giusto quindi non possono farlo. Se uno vuole photoshop (ok, esiste the gimp che secondo me è anche migliore [diciamo che lo so usare meglio poi quale in realtà sia il migliore non lo so, per quello che faccio gimp è perfetto, ma photoshop non lo ho mai usato]). Ma se una licenza di photoshop non costasse così tanto non credi che più persone lo comprerebbero? Alla fine si eliminerebbe la pirateria e si guadagnerebbe di più sulla quantità.
Un esempio su come il far pagare meno e guadagnare sulla quantità è vincente sono le app a pagamento per android. 50 centesimi sono una stupidaggine per chiunque. Una volta che il programma è fatto lo si può copiare tutte le volte senza spendere un centesimo. Un programma da 50 eurocent venduto più di 10000000 di volte quanto è il guadagno. Ammesso che il gestore dello store prenda anche il 50% e il programmatore paghi il 50% in tasse ha un guadagno di 1 250 000 €!!
50 centesimi li spendo volentieri per una app anche molto semplice che funzioni discretamente (per esempio anche una app che accenda il flash del cell che sia leggera e senza permessi eccessivi).
Se costasse 10 €...
Che si arrivi a inserire virus per non permettere la copia dei dati è inaccettabile (cosa accaduta, non mi ricordo la fonte ma su google si trova l'articolo).

Non dico che scarcare software illegalmente sia giusto, ma non è come rubare (secondo me), infatti si sottrae solo un possibile guadagno, ma non si leva nulla!
Windows is what you open when you want fresh air from outside.
Avatar utente
marcomg
Hero Member
Hero Member
 
Messaggi: 5575
Iscritto il: 22/08/2011, 18:54

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda Tigellino » 13/09/2013, 7:48

Perdonate la sinteticità, ma devo andare a lavorare :lol:
Circa Photoshop, mi sono scontrato con diversi post con alcuni professionisti; non è assolutamente sostituibile da GIMP per il professionale, ma la soluzione economica c'è: acquistare un Mac, dove il software preinstallato e scaricabile dalle tasse copre ampiamente l'esborso iniziale, a differenza della miriade di costi windows.
Circa il software copiato, posso solo dare la mia testimonianza. Mi ero rotto le scatole di agognare software che non potevo comprare o essere tentato di copiarlo; pertanto dal 2006 ho definitivamente abbandonato windows e se una cosa non posso farla con Liunux, NON LA FACCIO. Uno scanner Canoscan non riuscivo a farlo funzionare poiché non sapevo compilarmi i driver: ho aspettato un anno e adesso ogni kernel lo legge e ogni dostro ha i driver. Bisogna anche avere il coraggio di fare certe scelte. Se mi imporranno di comprare solo PC preassemblati,.......MI COMPRERÒ UNA GROSSA MAZZA FERRATA O0
Avatar utente
Tigellino
Full Member
Full Member
 
Messaggi: 204
Iscritto il: 05/06/2013, 7:35
Località: Toscana

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda eribian » 13/09/2013, 11:13

Ho deciso di concentrarmi di più sulla questione del computer generico.

Mi ha toccato profondamente il discorso di Doctorow, e mi hanno toccato particolarmente questi punti:
1) creare delle leggi che applichino censure o impediscano di effettuare crack rende la vita dei cracker molto più semplice (paragone dei nipoti del 2011);
2) si può pretendere di togliere funzioni da una macchina specializzata, ma non di toglierle da un computer generico (paragone delle ruote dell'auto del ladro);
3) I dispositivi gestiti da un pc possono essere pericolosi. Fabbricare armi, coltelli e altro con una stampante 3D oppure metanfetamine con altri dispositivi inquieta anche me;
4) trovo giusto il computer non general-purpuose, finché però non faccia azioni di cui l'utente è nolente;
5) non trovo giusto il computer general-purpuose bloccato, poiché toglie agli utenti la libertà. Da U-EFI Secure Boot ai rootkit preinstallati dagli OEM;
6) distribuire pc che spiano l'utente fotografandolo, registrarndo il suo desktop e cose così mi indignano profondamente;

Voi che dite?
Avatar utente
eribian
Sr. Member
Sr. Member
 
Messaggi: 332
Iscritto il: 16/04/2013, 19:02

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda marcomg » 13/09/2013, 12:47

3) I dispositivi gestiti da un pc possono essere pericolosi. Fabbricare armi, coltelli e altro con una stampante 3D oppure metanfetamine con altri dispositivi inquieta anche me;

I dispositivi gestiti da un cervello sono altamente pericolosi (specialmente da quale programma viene eseguito dal cervello) ;D
Windows is what you open when you want fresh air from outside.
Avatar utente
marcomg
Hero Member
Hero Member
 
Messaggi: 5575
Iscritto il: 22/08/2011, 18:54

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda eribian » 13/09/2013, 15:28

marcomg ha scritto:
3) I dispositivi gestiti da un pc possono essere pericolosi. Fabbricare armi, coltelli e altro con una stampante 3D oppure metanfetamine con altri dispositivi inquieta anche me;

I dispositivi gestiti da un cervello sono altamente pericolosi (specialmente da quale programma viene eseguito dal cervello) ;D

No, i dispositivi gestiti da un ignorante/sovversivo/terrorista/politicamente scomodo sono pericolosi.
Avatar utente
eribian
Sr. Member
Sr. Member
 
Messaggi: 332
Iscritto il: 16/04/2013, 19:02

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda Tigellino » 14/09/2013, 7:20

Non per fare il bastian contrario, ma nel mondo (leggendo forum specifici) ci sono fior di appassionati di armi, dotati delle specifiche autorizzazioni, licneze e porti d'arma, secondo le specifiche leggi dei vari paesi, che si comprano fucili per diletto, se li provano legalmente nei poligoni autorizzati e si costruiscono piccoli accessori, che regolarmente si rompono dopo il primo uso, con stampanti 3D; molto spesso, non avendo i soldi per comprarsi gli accessori originali, addobbano il loro fucile con accessori autoprodotti e lo tengono attaccato nella apposita stanza blindata o protetta, per mostrarlo con orgoglio agli amici appassionati. Mi dite dove sta il crimine? In Inghilterra hanno proibito le pistole da dieci anni circa; solo un imbecille può pensare che in Inghilterra non si fanno più rapine. Mi dispiace, ma io non voglio vivere in un mondo che vieta le cose pericolose alle persone oneste, nell'illusione che i criminali siano ostacolati dall'usarle anche loro (palesemente falso). Chi rimpiange la cortina di ferro ante anni '90, si costruisca un mondo a sé e ci si chiuda! Noi che l'abbiamo vista e abbiamo appoggiato i movimenti per abbattere quel muro, non la vogliamo più finché avremo vita. Evviva le stampanti 3D! Peccato che costano troppo.
Avatar utente
Tigellino
Full Member
Full Member
 
Messaggi: 204
Iscritto il: 05/06/2013, 7:35
Località: Toscana

Re: L'imminente guerra contro il computer generico

Messaggioda eribian » 14/09/2013, 8:36

Non hai capito, non sono contro le stampanti 3D, e non lo è nemmeno Doctorow, ma mi preoccupa l'uso potenzialmente pericoloso in posti dove ci sono guerre civili, o in posti dove la criminalità pro capite è altissima, come l'America. E poi, non è illegale possedere armi, più che altro mi preoccupa il fatto che in america si possono comprare le armi al supermercato! E chi ci dice che un giorno non saremo arrabbiati a tal punto da uccidere qualcuno? Il porto d'arma è inutile in posti come questo, e sarebbe un completo disastro poter scaricare da internet l'immagine di un fucile vero. Se tu mi parli di armi che si rompono subito, dimentichi che la tecnologia avanza rapidamente. Un giorno potrei fabbricare un fucile vero con materiale organico. E allora, cosa fare? A quel punto sarebbe impossibile gestire la situazione. Immagina un futuro in cui potrai stampare armi a casa tua gratis oppure riuscire a fabbricare droghe gratis. Io sono molto allarmato su questo futuro. E penso che dovreste esserlo tutti.
Ritornando sul discorso del computer generico, ho sbagliato, dovevo dire "periferica". La stampante 3D è una periferica.
Avatar utente
eribian
Sr. Member
Sr. Member
 
Messaggi: 332
Iscritto il: 16/04/2013, 19:02

Prossimo

Torna a Non solo programmi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite