Vendita separata della licenza Windows

Di tutto di più

Vendita separata della licenza Windows

Messaggioda UgoBoss » 15/06/2007, 22:48

Non sapevo bene quale fosse la sezione più adatta, quindi ho pensato di non sbilanciarmi e postare in OffTopic..
Cito la news così come l'ho letta da wintricks:

"Renzo Davoli, 43enne docente informatico presso l'Università di Bologna ha da poco lanciato una petizione online con l'obiettivo di liberalizzare il software per Personal Computer, secondo questi 3 principali punti cardine:

Nella vendita di personal computer il prezzo dell'hardware deve essere riportato con voce distinta rispetto al prezzo della licenza d'uso del software eventualmente in dotazione.

E' consentito all'utente di rinunciare all'acquisto della licenza per il software e pagare solamente il prezzo dell'hardware.

Il prezzo indicato per la licenza d'uso del software deve essere realistico.


E' possibile consultare a questo indirizzo (http://www.nonsiamopirati.org/4bersani.html) il testo integrale della proposta rivolta al Ministro dello Sviluppo Economico, Pierluigi Bersani, già sottoscritta da oltre 4500 utenti liberi ed ovviamente sostenuta da moltissime associazioni e testate pro-OpenSource."


Questa l'home page della petizione: http://mg55.homeip.net/liberasw

In poco più di una settimana siamo ad oltre 5.500 firme... speriamo che succeda come per le ricariche telefoniche :)
UgoBoss
Full Member
Full Member
 
Messaggi: 166
Iscritto il: 07/05/2007, 18:40
Località: Genova

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda gmc » 16/06/2007, 11:58

Grazie della segnalazione.

Ciao,
Peppe
Υπεραγία Θεοτόκε Σωσον ημάς!
Avatar utente
gmc
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 1917
Iscritto il: 22/05/2007, 19:02
Località: Stuttgart (Stoccarda), Germania

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda /dev/null » 16/06/2007, 15:37

Interessante (soprattutto perchè non vuol imporre linux come alternativa dove è ora che il pinguino se lo guadagni il successo nel mercato senza assistenzialismi di stato come quelli promossi da stallman) però fondamentalmente impossibile da applicarsi: lo Stato non deve e non può imporre un ordine all'economia, forse un vero stato comunista ma non questo. La cosa potrà suonare male ma in passato questo tipo di scelte ha portato più danni che benefici.
Trovo però sbagliato fare ricorso a cifre ben precise come la storia del 30% o 100.000 utenti di Dell (si tratta di un sondaggio online senza alcuna verifica dell'identità: chi assicura che in realtà non fossero 50.000 che hanno votato due volte, senza contare che c'è stato chi s'è vantato di votare anche 20 volte di fila ?).
Giusti invece i primi due punti.
/dev/null
Hero Member
Hero Member
 
Messaggi: 562
Iscritto il: 10/06/2006, 16:45

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda soad » 16/06/2007, 17:22

mi dispiace molto ma devo contraddire /dev/null...è vero che lo stato non deve e non può imporre un ordine all'economia come è altrettanto giusto che le case produttrici non facciano altrettanto e come è giusto in un libero mercato come quello europeo che io possa trovare in giro lo stesso pc con o senza os (badare non sto parlando solo dell'os di zio bill) a meno che quel determinato prodotto non funzioni con altri os (mai visto un pc che funzioni male con linux al massimo funge meglio)..inoltre lo stato comunista ti impone una cosa già bella e fatta e la devi accettare (vuoi il pc? te bekki winzozz) uno stato democratico ti da una scelta (vuoi il pc? te lo prendi e ci metti quel che vuoi oppure lo compri con sistema preinstallato)...democratica affinchè tutti abbiano la stessa soddisfazione dallo stesso diritto tutelato dalla legge (si ok mi occupo di legge)..il diritto in questione cosa è?quello di dire a zio bill che windows fa schifo???(si almeno per me) no il diritto tutelato è quello di poter paradossalmente sfruttare una possibilità che microsoft da all'utente ossia di poter o meno sfruttare la licenza d'uso eula (che attenzione è una licenza d'uso e non di acquisto) che è un contratto trasversale a quello stipulato fra me e asus acer ecc ecc all'atto dell'acquisto del pc...inoltre a parte questo i produttori di pc adesso hanno preso la bella abitudine di imporre con avvertenze ecc ecc che il computer è invendibile senza windows...prego????ed il contratto eula???quello vale per me non per te produttore ed io devo essere in grado di rifutarlo o meno...qui entra in gioco lo stato (democratico) che per sua natura deve tutelare i diritti del cittadino...laddove mancano le leggi e vi è come in qst caso un sopruso da parte di terzi nei confronti del cittadino bisogna chiedere al legislatore ossia al parlamento che faccia una legge in proposito...per quanto riguarda la libertà dei produttori di pc di vendere un computer con windows e imporre l'utilizzo solo di quel sistema operativo si dovrebbe rammentare che è una pratica assurda in quanto 1. perdono clienti (io sono il primo) 2. se lo fanno xkè l'hardware non è compatibile con altri os lo devono dimostrare...peccato che il pc, ibm lo ha creato libero di essere gestito da os diversi 3. se gli rompe farsi dare indietro soldi dalla microsoft non è un mio problema...una cosa è il pc un'altra cosa è il sistema operativo...le due cose lavorano insieme ma sono avulse...
Altrimenti oltre ai pc venduti senza possibilità di cambiare os ben vengano auto con un solo tipo di interni e di motorizzazioni e xkè no  speriamo vendano auto di una sola marca così nn dobbiamo manco sbatterci per scegliere se tedesca italiana o svedese e se le vendessero in unico modello sarebbe anche + semplice...(ricordiamoci la mitica trabant na skifezza unico modello unico motore unici interni venduta nell'est europa)!
Con amicizia (ci mancherebbe)
Max


P.S.: scusate se il post è troppo lungo
Ultima modifica di soad il 16/06/2007, 17:35, modificato 1 volta in totale.
open source...open mind
Avatar utente
soad
Sr. Member
Sr. Member
 
Messaggi: 321
Iscritto il: 12/06/2007, 11:47
Località: Bari

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda barlafoos » 16/06/2007, 23:38

In poco più di una settimana siamo ad oltre 5.500 firme...
Oggi 17 Giugno siamo a 5951 firme (compresa la mia).

" ... Altrimenti oltre ai pc venduti senza possibilità di cambiare os ben vengano auto con un solo tipo di interni e di motorizzazioni e xkè no  speriamo vendano auto di una sola marca così nn dobbiamo manco sbatterci per scegliere se tedesca italiana o svedese e se le vendessero in unico modello sarebbe anche + semplice ... "

Tranquillo !  Le auto di una sola marca non le vedremo mai probabilmente, anzii già si vedono auto di varie marche ma che sono in realtà dello stesso gruppo produttore il quale a questa mette una mascherina di una forma e all'altra una mascherina di una forma leggermente differente.

Diverso é il caso della Microsoft che, democraticamente, se ne impippa e fa il bello ed il cattivo tempo alla faccia del famoso Mercato, tentando di imporre a tutto il mondo un Pc di stampo "Comunista", ovvero con il Suo sistema operativo già pre-installato.
Cito dal testo della petizione
"Oggi non è di fatto possibile per un normale utente acquistare un elaboratore personale se non con il sistema operativo preinstallato di una marca ben determinata. E' sufficiente entrare in un qualsiasi negozio o supermercato o leggere le pubblicità per notare che nel settore non vi è concorrenza (perché i cittadini hanno di fatto un obbligo di acquisto congiunto)."
Ed ancora:
" perché le aziende che costruiscono elaboratori sono di fatto obbligate da Microsoft (diciamo nome e cognome del responsabile) a vendere solo macchine con sistema operativo preinstallato. La posizione dominante del mercato fa in modo che il prezzo di acquisto della licenza del sistema operativo da vendere preinstallato possa variare in funzione della libertà data agli acquirenti. .....  L'investimento in software preinstallato di grandi multinazionali impoverisce il nostro paese. La conoscenza su tali prodotti proprietari chiusi è limitata all'azienda costruttrice del programma e il paese è sempre più vincolato alle scelte (e alle tasse occulte imposte) della azienda."
Ottimo esempio di Posizione Dominante e di colonialismo nemmeno tanto strisciante.

Ma il Libero Mercato sarà in grado di sconfiggere il Drago Bill ? (il quale nel Libero Mercato ci sguazza a suo piacimento)
Me lo auguro di  tutto cuore ma in fondo in fondo non mi faccio illusioni.
Avatar utente
barlafoos
Newbie
Newbie
 
Messaggi: 41
Iscritto il: 10/10/2005, 17:25

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda soad » 17/06/2007, 17:17

non saprei...in realtà auto di una sola marca e di unico modello se ne sono già vendute (ad es. la trabant sempre nell'est)...quello che volevo dire era proprio che la petizione è giusta...il diritto del cittadino è quello anche di proporre leggi e la petizione su una proposta a volte può essere un metodo efficace...per quanto riguarda le case produttrici "costrette" a vendere windows...bè non si è mai visto windows o un altro os  girare sul nulla...il computer la componentistica hardware è la chiave per far girare un os...non credo che le case produttrici siano costrette...al massimo quindi pagate per vendere computer con windows preinstallato che poi da ciò ne nasca sicuramente unj circolo vizioso questo è un'altro conto...e qst petizione dalla quale spero ne venga fuori una buona legge (nessuna legge è mai ottima purtroppo...è come il software...non è mai perfetto) spero aiuti tutti i consumatori a essere liberi nel gestire i propri acquisti...è sbagliato credo accanirsi contro microsoft...infatti il professore parla di case produttrici...è a loro che bisogna guardare...sono loro che impongono...l'eula è molto chiaro come contratto...il compratore può recedere (almeno fino a win xp..non ho mai letto l'eula di vista)...quindi il cartello non è di microsoft ma dei produttori che sicuramente si fanno pagare da microsoft...(oddio speriamo che zio bill e acer e hp non leggano mai sto post..riskio de brutto perchè senza prove...ma cavolo è così lampante!!!!)...

Ciao
Max
open source...open mind
Avatar utente
soad
Sr. Member
Sr. Member
 
Messaggi: 321
Iscritto il: 12/06/2007, 11:47
Località: Bari

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda marbel » 17/06/2007, 21:27

ho già firmato la petizione qualche giorno fà, perchè avevo trovato la notizia nel blog di debianizzati. il ragionamento che ha portato alla raccolta delle firme è fondamentalmente molto semplice: ci deve essere libertà totale nell'acquisto dell'hardware e si deve quindi poter scegliere tra molti componenti dotati delle tecnologie più disparate. e in questo senso deve essere garantita anche una libertà di acquisto tcp o non tcp. la stessa libertà ci deve essere anche per il software. punto e basta. di questa libertà si deve godere immediatamente all'acquisto dell'hardware, perchè inviare per esempio una macchina a nostre spese ad un rivenditore affinchè venga disinstallato un sistema proprietario preinstallato all'origine, già non costituisce più libertà. questa petizione offre dei vantaggi anche ad un utente finale microsoft, perchè se io acquisto una macchina con windows vista preinstallato ma quella versione non ha le caratteristiche per l'utilizzo che io voglio fare della macchina, ecco che comincia un'odissea stressante per adattare la versione di vista (esempio da home a premium). non è giusto e nemmeno ragionevole che chi spende fior di quattrini per una licenza fittizia come quella della microsoft, sia trattato alla fine in questo modo. ecco perchè questa petizione dovrebbero firmarla tutti: favorevoli e contrari a windows. in conclusione: non è possibile che un hardware (salvo rarissimi e specialistici casi) sia legato al software e viceversa e se si tenta di dimostrare il contrario, si fanno soltanto inutili e contorti giri di parole.
Ultima modifica di marbel il 17/06/2007, 21:29, modificato 1 volta in totale.
marbel
 

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda soad » 18/06/2007, 15:00

quoto irrimediabilmente marbel  ;D
open source...open mind
Avatar utente
soad
Sr. Member
Sr. Member
 
Messaggi: 321
Iscritto il: 12/06/2007, 11:47
Località: Bari

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda barlafoos » 18/06/2007, 21:14

Perfettamente d'accordo con Marbel, sintetico ed essenziale.
Per quanto mi riguarda il Pc me lo sono costruito con le mie manine e poi, vai con Debian !
Ho saputo recentemente che in un negozio di informatica della mia città offrono PC per così dire nudi.
Lo compri e chiedi anche quale sistema operativo deve esserci installato, oppure te lo installi da te.
Benemeriti Innovatori ?

Ciao
Avatar utente
barlafoos
Newbie
Newbie
 
Messaggi: 41
Iscritto il: 10/10/2005, 17:25

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda soad » 19/06/2007, 13:50

negozianti così ce ne sono il problema è che a loro cmq i pezzi costano + ke alle major indi alla fine il pc costa di + (almeno in teoria)...
open source...open mind
Avatar utente
soad
Sr. Member
Sr. Member
 
Messaggi: 321
Iscritto il: 12/06/2007, 11:47
Località: Bari

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda marbel » 19/06/2007, 17:58

soad ha scritto:negozianti così ce ne sono il problema è che a loro cmq i pezzi costano + ke alle major indi alla fine il pc costa di + (almeno in teoria)...

io non lo sò se il pc costa di più perchè non avendo in previsione cambi non ho verificato, ma anche se poi alla fine costasse un 10% di più, vuoi mettere la soddisfazione? e come dice la pubblicità.... ci sono delle cose che non si possono comprare; a tutto il resto pensa gnu/linux! ;D
marbel
 

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda soad » 19/06/2007, 21:25

lol...ma tu lavori...pensa uno studente universitario (io) che guadagna saltuariamente 200 euro in un mese (se va bene) e che si occupa di pc...se per avere un prodotto migliore di quello che ho devo spendere il 30% in + (le stie alla fine sono quelle) che faccio chiedo un prestito??(a chi poi?) oppure sono un co.co.co. (non una gallina ma un lavoratore co.co.co.) e che faccio??sfrutto l'agevolazione di 200 euro sull'acquisto di un pc nuovo e cmq regalo soldini alla microzozz???nu peppiacere  :'(
open source...open mind
Avatar utente
soad
Sr. Member
Sr. Member
 
Messaggi: 321
Iscritto il: 12/06/2007, 11:47
Località: Bari

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda /dev/null » 19/06/2007, 22:09

soad ha scritto:mi dispiace molto ma devo contraddire /dev/null...è vero che lo stato non deve e non può imporre un ordine all'economia come è altrettanto giusto che le case produttrici non facciano altrettanto e come è giusto in un libero mercato come quello europeo che io possa trovare in giro lo stesso pc con o senza os


Le case produttrici secondo una logica di abbassamento dei costi offrono la soluzione più diffusa e quindi con i costi più gestibili. Quelle case non vedono un linux ma centinaia di linux diversi e non vogliono avere troppi grattacapi nel doverli seguire e supportare tutti (o tanti).

(mai visto un pc che funzioni male con linux al massimo funge meglio)..


Questa dipende solo dall'uso che uno ne fa della macchina e quindi dai software che può scegliere di sostituire e quelli che invece non può lasciare.

inoltre lo stato comunista ti impone una cosa già bella e fatta e la devi accettare (vuoi il pc? te bekki winzozz) uno stato democratico ti da una scelta (vuoi il pc? te lo prendi e ci metti quel che vuoi oppure lo compri con sistema preinstallato)...democratica affinchè tutti abbiano la stessa soddisfazione dallo stesso diritto tutelato dalla legge (si ok mi occupo di legge)..


Sempre belle parole ma qui l'unica questione consiste nella legge superiore del mercato. Se lo Stato italiano facesse una legge ad hoc come si sta cercando di promuovere senza che venga seguita di pari passo da tutti gli stati vicini si viene a creare una condizione ad estremo rischio.
La ricetta è vecchia: vuoi la tua fetta di mercato ? Lotta secondo le regole del mercato stesso senza aiuti esterni.
Non penso sia il caso domandare quale fine abbiano fatto un mucchio di aziende del blocco comunista dopo la caduta del muro e quindi delle protezioni e dei monopoli legali e politici che fino a quel momento avevano permesso loro di vivere.


il diritto in questione cosa è?quello di dire a zio bill che windows fa schifo???(si almeno per me) no il diritto tutelato è quello di poter paradossalmente sfruttare una possibilità che microsoft da all'utente ossia di poter o meno sfruttare la licenza d'uso eula (che attenzione è una licenza d'uso e non di acquisto) che è un contratto trasversale a quello stipulato fra me e asus acer ecc ecc all'atto dell'acquisto del pc...inoltre a parte questo i produttori di pc adesso hanno preso la bella abitudine di imporre con avvertenze ecc ecc che il computer è invendibile senza windows...prego???ed il contratto eula???quello vale per me non per te produttore ed io devo essere in grado di rifutarlo o meno...


Ma infatti l'unica cosa che si dovrebbe legiferare è l'obbligo verso i produttori di accettare la pratica di rimborso della sola licenza di windows anche non al costo della oem venduta singolarmente (del resto asus e co. comprano a volumi e quindi a prezzo scontato).

per quanto riguarda la libertà dei produttori di pc di vendere un computer con windows e imporre l'utilizzo solo di quel sistema operativo si dovrebbe rammentare che è una pratica assurda in quanto 1. perdono clienti (io sono il primo)


Perdono te, ma non perdono flotte di persone che in fin dei conti sono interessate solo ad avere un fratello "intelligente" della lavatrice verso il quale tutti producono software casalingo, professionale (certo non il super sistema per gestire il reattore nucleare, lo dico onde evitare commenti stupidi), driver e giochi.
Io oggi mi incaxxavo come una iena di vedermi preso per scemo da vista ma a tantissimi la cosa piace.


2. se lo fanno xkè l'hardware non è compatibile con altri os lo devono dimostrare...peccato che il pc, ibm lo ha creato libero di essere gestito da os diversi


Naaa.. lo fanno perchè vogliono risparmiare. Per loro supportare windows significa raggiungere centinaia di milioni di utenti, supportare linux senza una logica puramente open vuol dire guardare solo a poche distribuzione cioè a pochi gruppi di utenti su una trentina di milioni di personaggi nel mondo.
L'informatica è oramai una cosa troppo di massa con prezzi e ricarichi talmente risicati che anche pochi euro su una produzione di massa fanno una cifra notevole.


3. se gli rompe farsi dare indietro soldi dalla microsoft non è un mio problema...una cosa è il pc un'altra cosa è il sistema operativo...le due cose lavorano insieme ma sono avulse...


Di certo loro non vogliono rimetterci.


Altrimenti oltre ai pc venduti senza possibilità di cambiare os ben vengano auto con un solo tipo di interni e di motorizzazioni e xkè no  speriamo vendano auto di una sola marca così nn dobbiamo manco sbatterci per scegliere se tedesca italiana o svedese e se le vendessero in unico modello sarebbe anche + semplice...(ricordiamoci la mitica trabant na skifezza unico modello unico motore unici interni venduta nell'est europa)!


La mitica trabant sarà stata rozza finchè si voleva e con la carrozzeria in plastica ma scommetto che girerebbero ancora adesso. A dispetto delle apparenze erano delle rocce  ;D

barlafoos ha scritto:"Oggi non è di fatto possibile per un normale utente acquistare un elaboratore personale se non con il sistema operativo preinstallato di una marca ben determinata. E' sufficiente entrare in un qualsiasi negozio o supermercato o leggere le pubblicità per notare che nel settore non vi è concorrenza (perché i cittadini hanno di fatto un obbligo di acquisto congiunto)."

Ed ancora:
" perché le aziende che costruiscono elaboratori sono di fatto obbligate da Microsoft (diciamo nome e cognome del responsabile) a vendere solo macchine con sistema operativo preinstallato.


Chi ha scritto ste cose non è molto ben informato. Se cerchi linuxsi trovi fior di negozi che vendono pc con linux preinstallato e su wikipedia (ma non ricordo la voce) c'è anche un elenco di produttori di portatili che di nuovo preinstallano linux. Purtroppo sono tutti piccoli produttori che non avendo interesse o meglio le possibilità per affrontare il mercato globale sono quasi sconosciuti e quindi puntano sull'alternativo
Sulla seconda parte l'obbligo di fatto non viene da microsoft ma dal mercato nella sua forma attuale. Come ho già spiegato i guadagni sono risicatissimi quindi qualsiasi scelta che non offra una platea enorme di utenti e che in virtù della sua scarsa diffusione comporti anche un aumento di costi (legge della domanda e dell'offerta) viene automaticamente scartata. Il mondo linux appare al mercato come una realtà esageratamente frammentata, ridotta e continuerà ad esserlo finchè dall'alto, dai "guru", padri pellegrini (chiamateli come volete) non verrà data una spinta ad una riunificazione e ad una selezione di tecnologie.

Ma il Libero Mercato sarà in grado di sconfiggere il Drago Bill ? (il quale nel Libero Mercato ci sguazza a suo piacimento)
Me lo auguro di  tutto cuore ma in fondo in fondo non mi faccio illusioni.


Per affrontare il punto di riferimento microsoft bisogna crearne uno linux: uno non due, dieci, cento e oltre tante quante sono le  distribuzioni in giro. Se adesso il mercato muore di sete, dopo lo farà per annegamento.
Diversamente ci possono essere tutte le leggi di sto mondo ma la gente si sentirà comunque attratta da quello che conosce già.
/dev/null
Hero Member
Hero Member
 
Messaggi: 562
Iscritto il: 10/06/2006, 16:45

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda Finn » 19/06/2007, 22:56

soad ha scritto:oppure sono un co.co.co. (non una gallina ma un lavoratore co.co.co.) e che faccio??sfrutto l'agevolazione di 200 euro sull'acquisto di un pc nuovo e cmq regalo soldini alla microzozz???nu peppiacere  :'(


Da co.co.co., si fa una scelta, meglio risparmiare i 200€ o stare in pace con se stessi? Ognuno segua il proprio istinti.
Io la vedo come marbel, preferisco pagare qualcosa di più ma fare un acquisto che risponda alle mie esigenze, e dare soldi a quelli di Redmond non è tra queste.

Tornando IT, su su, firmate!!
Finn
 

Re: Petizione: no a windows preinstallato!

Messaggioda UgoBoss » 20/06/2007, 0:48

Ricordo che la petizione non impone la preinstallazione di linux -che sarebbe discutibile- ma impone al produttore di lasciare la scelta all'utente di avere un pc "liscio", quindi senza "appesantire" la responsabilità del produttore.
UgoBoss
Full Member
Full Member
 
Messaggi: 166
Iscritto il: 07/05/2007, 18:40
Località: Genova

Prossimo

Torna a OffTopic

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti